mercoledì 29 luglio 2015

Quotes from 'Bianca come il latte, rossa come il sangue' - Alessandro D'Avenia

Ho finito in un paio di giorni "Bianca come il latte, rossa come il sangue" di Alessandro D'Avenia e devo dire che mi è piaciuto un sacco, davvero tanto. Farò presto una recensione, ma intanto vorrei condividere delle frasi che mi hanno colpito e che, a distanza di ore dalla fine della lettura, ancora mi fanno pensare, riflettere, rimuginare. Non sono frasi fatte, come potrebbero sembrare se estrapolate dal contesto, ma sono davvero profonde, spero che leggendole non abbiate la sensazione che ho avuto io leggendo di Bisotti, ma che vi colpiscano nel cuore.
Mi sento un errore, un errore di ortografia. Una doppia dove non ci va, un “fà” con l'accento. Un colpo di bianchetto e io sparisco, come tutti gli errori. Il foglio resta bianco, pulito, e nessuno vede il dolore nascosto dietro quello strato di bianco.

I sogni veri si costruiscono con gli ostacoli. Altrimenti non si trasformano in progetti, ma restano sogni. La differenza fra un sogno e un progetto è proprio questa: le bastonate, come nella storia di mio nonno. I sogni non sono già, si rivelano a poco a poco, magari in modo diverso da come li avevamo sognati.
Grazie a quell'abbraccio sento i miei spigoli, i miei difetti, le mie spine. E li sento già smussati, addolcirsi, e incastrarsi con dolcezza nei vuoti di lei.
 “Ma l'amore è un'altra cosa. L'amore non dà pace. L'amore è insonne. L'amore è elevare a potenza. L'amore è veloce. L'amore è domani. L'amore è tsunami. L'amore è rossosangue.”
Perché quando c'è di mezzo l'amore le persone a volte si comportano in modo stupido. Magari sbagliano strada, ma comunque ci stanno provando. Ti devi preoccupare quando chi ti ama non ti ferisce più, perché vuol dire che ha smesso di provarci o che tu hai smesso di tenerci.

"In fondo, tutta la vita non fa altro che ritagliarti un vestito multicolore, a costo di tante notti insonni, notti di rimasugli di altre vite cuciti insieme. Proprio quando ci sentiamo più poveri la vita, come una madre, sta cucendo per noi il vestito più bello."

 
 

martedì 28 luglio 2015

Recensione - Sempre - J.M. Darhower

Vi è mai capitato di cercare un determinato tipo di libro, trovarlo pensando che fosse quello giusto, iniziare a leggerlo partendo in quarta e poi...... IL NULLA?!
Ecco, questo mi è successo leggendo Sempre di J. M. Darhower, anche se a quanto pare sono l'unica a pensarlo, leggendo le recensioni su goodreads.

Titolo: Sempre
AutoreJ. M. Darhower
Saga: Sempre #1
Prezzo: 15€ circa su amazon 
Pagg528
Stelline Goodreads: 4.26

Trama: Questa è una storia sul sacrificio... sulla morte... sull'amore... sulla libertà. Questa è una storia sul 'per sempre'.

Haven Antonelli e Carmine DeMarco sono cresciuti in circostanze diverse. Haven è una schiava di seconda generazione, cresciuta nel mezzo del deserto, tra duro lavoro e abusi.
Carmine, nato in una ricca famiglia mafiosa, vive una vita di privilegi ed eccessi. Uno scherzo del destino porta le loro vite a incrociarsi. Intrappolati in una ragnatela di segreti e bugie, imparano che anche se differenti all'apparenza, hanno in comune più di quanto si possa immaginare.
In un mondo caotico, dove i soldi e il potere regnano, Haven e Carmine provano a liberarsene, ma una serie di eventi accaduti prima delle loro nascite minaccia di distruggerli entrambi.

Omicidio e tradimento sono una ragione di vita, e niente arriva senza un'amara conseguenza, specialmente la libertà. Ma quanto dovranno sacrificare? Possono sfuggire dal loro passato? Ma soprattutto, qual è il vero significato dell'essere liberi?

Ma con una sinossi del genere, poi perchè tale J. M. Darhower a un certo punto manda tutto in vacca? Partiamo con ordine.. Come detto nella trama, Haven è una schiava di seconda generazione, ovvero la figlia di una schiava, mentre Carmine il figlio del Dr. DeMarco, cioè colui che compra 'salva' Haven dalla schiavitù, I due si incontrano a casa dei DeMarco, casa che diventa di conseguenza anche di Haven, anche se sente il dovere di comportarsi ancora come schiava, probabilmente anche perchè confusa dal Dr. DeMarco, che è tutto un 'non sei più in schiavitù'/'la cena deve essere pronta tutte le sere entro le 19'. Probabilmente sarei confusa anche io. Qui si avvicinano Haven & Carmine, piano piano, con delicatezza e gentilezza, in modo guardingo, anche perchè lei è troppo molto fragile, anche per colpa della vita che le è stata riservata. Ma veniamo a noi... Una qualità che all'inizio mi ha fatto apprezzare tantissimo questo libro è stata la lentezza. Quel tipo di lentezza che ti fa gustare la trama, i personaggi, gli stati d'animo, quel tipo di lentezza che ti fa pensare 'oh finalmente un libro che si prende i suoi spazi, che ti fa entrare pian piano nei meccanismi e che non ti rigurgita tutto addosso'. A un certo punto però ragazzi, dai una mossa! Sono arrivata a un punto, verso metà libro che volevo mollare, stava diventando di un tedioso assurdo... Ci ho messo un mese intero per leggerlo, e nel frattempo ho anche iniziato altri libri.. Sentivo che l'autrice voleva arrivare a un punto ma non capivo quale fosse, Sentivo nell'aria puzza di bugie e segreti ma mai un indizio.. Inoltre più leggevo e più i personaggi mi stavano sulle balle, a parte Dominic, fratello di Carmine. Avevo davvero zero empatia per i protagonisti. Haven tutta un SORRY ogni due parole. personalità zero, praticamente un robot nelle mani di Carmine. Carmine tutto un 'relax, baby'/'grab me some food', discorsi noioserrimi, scene banali, sti due che fanno pisolini dalla mattina alla sera. Non si vedono per settimane e al ritorno lui la prima cosa che pensa è 'facciamo un pisolino'. Per me è no.
La mia bella ragazza,” he said. “Napping in the afternoon?” 
“I ran out of stuff to do,” she said. “Everything’s clean.”
  He sighed. “A nap actually sounds good right now.”
Anche se in realtà Carmine aveva davvero tutte le carte in regola per essere un best boyfriend book, è innanzitutto figo, protettivo, really bad, womanizer (forse anche un po' troppo clichè) ma a volte mi è sembrato un po' idiota.. Quindi no grazie. 
Parlando dei personaggi, probabilmente mi sono piaciuti più quelli secondari, in primis Dominic, come accennato, e il padre, il Dr DeMarco. Un altro personaggio rivelazione è stato lo zio, Corrado. La storia ha davvero del potenziale, infatti dall'80% in poi diventa fighissima e piena di colpi di scena, uno via l'altro, iniziano a svelarsi segreti, complotti, trappole. DI TUTTO. Ricordiamoci che è pur sempre un crime book, però ecco, un bel 30% del libro io l'avrei tagliato, lasciando comunque 400pagg belle e buone. Non so se leggerò il secondo libro, Sempre - Redemption, probabilmente visto il finale credo di sì, però boh, Che noia.

PS perchè gli autori si ostinano a creare personaggi italiani mafiosi, che parlano un italiano orribile? Ci sono frasi che non stanno nè in cielo nè in terra. Poi, Carmine che chiama Haven 'la mia bella ragazza' a me sa tanto di viscido, di complimento fatto per strada. Sono esagerata io?! Probabile.

giovedì 4 giugno 2015

Recensione - Lovely Vicious Saga - Sara Wolf

Beh come al solito arriva il momento in cui latito per mesi.. Fino a quando leggo qualcosa che mi fa perdere la testa e per cui ho necessità di scrivere una recensione che invogli il mio prossimo a leggere quanto ho letto io.. <3 In questo caso si parla della serie Lovely Vicious di Sara Wolf che ho divorato in non più di 10giorni! Vi trascrivo la trama del primo volume, perché le altre sono troppo spoilerose:

TitoloLovely Vicious
AutoreJennifer L. Armentrout
Saga: Lovely Vicious
Prezzo: 6€ circa su amazon 
Pagg269

Trama: La diciassettenne Isis Blake non si è innamorata negli ultimi 3 anni, 9 settimane e 5 giorni, e dopo quanto successo l'ultima volta non ha assolutamente intenzione di cambiare le cose. Da allora ha perso 40kg, si è tinta delle ciocche viola nei capelli e si è trasferita nel mezzo del bel niente in Ohio per aiutare sua madre a scappare da una pessima relazione. 
Tutte le ragazze nella nuova scuola vogliono una sola cosa - Jack Hunter, il principe di ghiaccio della East Summit High. Hot come un modello di Armani, intelligente da poter entrare a Yale, e più freddo dell'Artico, Jack Hunter non è mai uscito con nessuna. Certo, si è visto in giro con donne meravigliose, ma non ha mai dato una chance alle ragazze della scuola. Finchè Isis non gli tira un pugno in faccia.
Improvvisamente tutto diventa un gioco.
L'obiettivo: Far chiedere all'altro pietà,
IL campo di gioco: la East Summit High.
Il premio: Qualcosa che nessuno dei due si aspetta.

Lovely Vicious (Lovely Vicious, #1)Savage Delight (Lovely Vicious, #2)Brutal Precious (Lovely Vicious, #3)


Ecco, ora voi vi aspettate la solita storiellina con lui superhotfighissimo e lei che non vuole nessuno ma che cade ai suoi piedi. NO. Niente di più sbagliato, questa storia ti tiene sulle spine e ha a che vedere con tutto. tranne che con l'amore, o perlomeno, non è la solita storia sdolcinata che si sa dove andrà a parare. In realtà tutto nasce dal momento in cui il proncipe di ghiaccio tratta male l'unica persona che ha dimostrato un leggero interesse per Isis, Kayla, facendola partire in quarta e pretendendo che le chieda scusa. Giorno dopo giorno inizia la guerra per far sì che Jack chieda scusa a Kayla, tramite stratagemmi assurdi, cercando degli scheletri nell'armadio l'uno dell'altra e da lì partono mille vendette, mille escamotage, che li porterà davvero a trovare degli scheletri ma forse troppo grandi da sopportare, ma li porteranno anche a ricredersi su quanto hanno creduto fino ad allora, e che forse forse la guerra non è che il preambolo di qualcos altro. Si parte da una base dolorosa che non si dimentica facilmente, che blocca lsis, e che probabilmente è ciò che l'ha fatta scattare per l'impertinenza di Jack. Poi c'è del dolore anche dall'altro lato, ma noi non possiamo capire, possiamo solo percepire e questo ci distruggerà pian piano, ma non è una storia triste, anzi, è divertentissima! I protagonisti sono strutturati meravigliosamente,  Isis è una forza della natura, è un ciclone, sfotte tutto e tutti, erge una corazza di arroganza oltre la quale lei è la migliore e guarda tutti dall'alto verso il basso, ma sempre facendoci fare delle grasse risate.. Agisce senza pensare e quando lo fa, lo fa a voce alta. Non si può non amare Isis Blake. E che dire di Jack Hunter, non è chiamato Ice Prince a caso, è davvero di ghiaccio, senza cuore, ma come si fa a non amarlo pian piano? E quegli switch di narrazione che ci regala la Wolf? Sono fantastici, immaginate di leggere dal pdv di Isis e di passare sul più bello a quello di Jack... AAAAAAAH Jack <3 <3 Mi devo ancora riprendere. Certamente è entrato nella top 5 dei miei ragazzi libreschi preferiti *-*
I libri seguenti sono un crescendo di emozioni e colpi di scena, non so come trasmettere tramite parole nere su bianco quello che questi libri mi hanno fatto provare, un'emozione unica dall'inizio alla fine, un'ondata di energia, di risate (ad alta voce!!!!!!!!!!!), di brividi... 

mercoledì 18 marzo 2015

Recensione - Pure - Jennifer L. Armentrout

Ho recensito di recente Half-Bood della goddess Jennifer Armentrout, ora siamo al seguito: Pure.

TitoloPure
AutoreJennifer L. Armentrout
Saga: Covenant #2
Prezzo: 8,47€
Pagg329
Casa Ed: Spencer Hill Press

Trama (tradotta by me)C'è il bisogno. E c'è il Fato. Essere destinati a diventare una sorta di fonte elettrica sovrannaturale non è proprio il massimo.. soprattutto se l'altra metà di Alexandria le è sempre appresso: Seth è nell'area allenamento, fuori dalle sue lezioni, e continua a intrufolarsi nella sua camera. La loro connessione ha anche qualche benefit, come per esempio il potere di far sparire gli incubi che ricordano ad Alex sua madre, ma per altre cose non ci sono effetti positivi o soluzioni, come per i suoi sentimenti verso il proibito, Puro Aiden, o per quello che lui farebbe e sacrificherebbe per lei. Quando i Demoni si infiltrano nel Covenant e attaccano degli studenti, gli Dei mandano le Furie, Dee minori determinate a eliminare qualsiasi minaccia per il Covenant e per gli Dei, inclusi gli Apollyon e ovviamente Alex. Come se i Demoni non fossero abbastanza, una misteriosa minaccia farebbe di tutto per neutralizzare Seth, cercando di spedire in servitù Alex, o addirittura uccidendola. 


descriptionLo stile è sempre scorrevolissimo e crea dipendenza, la Armentrout si riconferma un fenomeno e con questo libro lo evidenzia ancora di più del primo, NON RIUSCIVO A STACCARMI DAL KINDLE, impressionante, questo libro e questa saga sono la perfezione. La storia è leggermente più matura, come in ogni secondo libro di una saga, infatti nel primo si pongono le basi e nel secondo si sviluppa al 100% quella che sarà poi la storia. Nel calderone vengono messe scoperte importanti e perdite notevoli, cosa che non mi aspettavo, pensavo che il tutto procedesse all'acqua di rose, invece è tutto così imprevedibile che quando scopri qualcosa o quando succede un qualcos'altro di incredibile vorresti abbracciare il libro. Insomma, non c'è modo di dire LO SAPEVO!
La trama è incalzante, dall'inizio alla fine, parte tutto con un attacco di demoni al Covenant che scuote tutti e da qui si parte con allenamenti flirtosi con Aiden e Seth, amori proibiti, azione, lotta, c'è di tutto, anche una perdita che mi ha fatto stare male! Inoltre in questo libro abbiamo dato uno sguardo interno al Consiglio, grazie alla deposizione che deve dare Alex riguardo a Gatlinburg, abbiamo conosciuto i Ministri, e visto da vicino e 'toccato con mano' le conseguenze del non seguire le regole. E' un libro d'azione con una buona, buonissima parte romance CHE HO AMATO. Una figura che mi è piaciuta molto sono state le Furie, primo approccio diretto con gli Dei (anche se sono divinità minori).
Il rapporto Alex/Aiden è al cardiopalma e soffre di alti e bassi, ci sono momenti in cui avrei voluto piangere e altri in cui il cuore mi usciva dal petto, mentre il rapporto Alex/Seth, è a un punto di decollo e devo dire che molte scene fra di loro non mi son dispiaciute, anzi (non sto parlando delle notti in camera o di quando Alex ha bevuto l'intruglio.. no no assolutamente)... Nonostante io non sia la più grande sostenitrice dei triangoli! Sono sempre e comunque Team Aiden ehh...  Anche se comunque avrei voluto strozzarlo più e più volte, ma quanto cazzo sei razionale? Io in un book boyfriend voglio irrazionalità, arroganza, strafottenza... ANche se devo dire che alla fine L'HO AMATO. Nella scena finale è stato IL MIO EROE.
Per quanto riguarda Alex è sempre più testarda e caparbia e questo me la fa apprezzare sempre di più, non ho notato molti cambiamenti in lei tra il primo libro e questo ma sicuramente perchè non è la classica eroina che parte sfigata per poi mostrare segni di maturità, lei era già ben equipaggiata fin dall'inizio, ha solo dovuto tirarsi su le maniche e COMBATTERE. Amo le eroine che combattono alla pari, se non meglio degli uomini (Celaena mi vieni sempre sempre in mente tu <3)!
Beh che dire in conclusione... LIBRO STUPENDO!

Dimenticavo: vi regalo, in realtà ve la regala la Armentrout, questa bellisssssssssssssssssima scena col POV di AIDEN... http://www.scribd.com/doc/111557745/The-Brew-Edited

Ok, ho trovato questa chicca meravigliosa. Una nota di Deacon in cui organizza il compleanno di Aiden e che viene trovata da quest'ultimo che annota i suoi appunti. ADORO.
 Super super super funny <3



mercoledì 11 marzo 2015

Recensione - Half-Blood - Jennifer L. Armentrout


Dopo mesi e mesi, se non anni, che mi riprometto di leggerlo, ho ceduto. E ho fatto solo che bene.
Piccolo appunto: ragazzi MA QUESTE COPERTINE? Non sono favolose? Tra l'altro come potete vedere il primo libro in teoria è Daimon, ma è una novella e io provo una certa avversità nei confronti delle novelle, anche se ho letto più volte che è imperdibile.. Ci farò un pensierino.

 photo tumblr_mocqncejGj1r9ccwso1_500_zpsc5213ec6.jpg


9680718TitoloHalf-Blood
AutoreJennifer L. Armentrout
Saga: Covenant #1
Prezzo: 8,23€
Pagg: 281
Casa Ed: Spencer Hill Press

Trama (tradotta by me): Gli Hematoi discendono dall'unione degli Dei e dei mortali. I figli di due Hematoi purosangue hanno poteri degni degli Dei, mentre i figli di Hematoi e mortali... beh, non molto! I mezzosangue hanno solo due opzioni: allenarsi per diventare Sentinelle che cacciano e uccidono Demoni o diventare servitù nelle case dei puri.
La diciassettenne Alexandria preferirebbe rischiare la sua vita combattendo piuttosto che perderla pulendo bagni. Ci dono diverse regole che gli studenti del Covenant devono seguire e Alex ha problemi con tutte, in particolar modo con la numero 1: le relazioni tra puri e mezzosangue sono proibite. Sfortunatamente, si sta innamorando di un superfigo purosangue, Aiden. Ma innamorarsi di Aiden non è il suo più grande problema, lo è sopravvivere abbastanza a lungo per diplomarsi e diventare una Sentinella. Se fallirà questo obbiettivo, dovrà affrontare un futuro peggioree della morte o della schiavitù: essere trasformata in un demone ed essere cacciata da Aiden. 

Beh che dire, questo libro è WOW. E' una bomba! Un must-read! Sarà che amo la mitologia greca, amo le relazioni proibite, amo le protagoniste kickass e amo follemente i super hot guys, ma questo libro è stupendo. Premetto che non ho mai letto niente della Armentrout e devo dire che scrive da Dio, in una maniera fluida e scorrevole, a dir poco ipnotica. Non riesci a mettere giù il libro per vedere cosa diavolo succede. Inoltre devo dire che la Armentrout è davvero brava a delineare i personaggi, te ne innamori nel giro di un paio di gg:
Alexandria, è la protagonista perfetta, forte, coraggiosa, combattiva, tosta, forse a volte troppo impulsiva, perde la madre subito all'inizio del libro e cerca subito di reagire, di metabolizzare, non sta a piangersi addosso.. E già lì me ne sono innamorata. In alcuni punti non nego che avrei voluto tirarle qualcosa in testa per la troppa impulsività che sfocia in egoismo, però in linea di massima l'ho adorata. Poi è arrogante al massimo, e sarcastica fino al midollo! Una sorta di Celaena Sardothien, ma meno assassina! :) E' indietro con gli allenamenti poichè è rimasta 3 anni lontano dall'istituto di formazione nel quale si allenano gli Hematoi: il Covenant. Per questo ha bisogno di un recupero veloce del progra
mma, per questo c'è il nostro amato Aiden.
Aiden, beh che dire, è il classico super hot guy, dallo sguardo magnetico e dalle risposte alla bisognafarelacosagiusta, è super protettivo nei confronti di Alex  e già questo basta per adorarlo *-* poi è forte, saggio, corretto.. <3 Vi avviso: i momenti di allenamento che condividono Alex&Aiden sono ad alto tasso di sbavo *_*
Seth è una bomba. Io odio i triangoli, non so neanche se questo è destinato a diventarlo, però a me lui fa impazzire, è tutto quello che non è Aiden, è sbruffone, arrogante, sarcastico, impertinente.
La trama è fitta, avvincente e direi anche abbastanza piena di azione, intendiamoci, non alla "Trono di spade" però non mancano colpi di scena e lotte all'ultimo sangue. Il destino ha in serbo per Alex molte cose e questo non la scoraggia, anzi, con coraggio e caparbietà affronta quello che dovrà accadere. I sentimenti e la componente romance la fanno un po' da padrone, se posso dire la mia ed essere un po' una voce fuori dal coro, non mi ha fatto impazzire il fatto che Aiden fosse così ovvio nei confronti di Alex, avrei voluto che fosse più arrogante e distaccato, ma forse è solo una mia impressione. Aparte questo cuore e batticuore a gogo <3
Non capisco perché in Italia non ci sia l'intenzione di pubblicare questo capolavoro.


ps datemi tutti i libri della Armentrout ADESSO.

martedì 10 marzo 2015

giovedì 26 febbraio 2015

Recensione - Crown of Midnight - Sarah J. Maas

L'ultima recensione è stata quella del libro precedente in questa saga, ovvero The crown of midnight, che come vi ho detto mi è piaciuto da morire. Beh se quello mi è piaciuto da morire, io non so proprio come descrivere questo. Freacking amazing? Potrebbe andare. Anzi no....


Ecco, così va meglio. Poi lo dice anche Malcolm Merlyn.
Tra l'altro l'ho comprato in offertissssssima su bookdepository a 4euro e qualcosa, sì avete capito bene. 4 euro e spedito a casa gratis. NO COMMENT. *-*
Solita trama scopiazzata pigramente da ibs del libro vers ita (che Dio ce ne scampi), anzi a dir la verità l'ho modificata perchè conteneva uno spoiler, mini mini ma sempre spoiler:

TitoloCrown of midnight
AutoreSarah J. Maas
Saga: Throne of Glass #2
Prezzo: 9,29 su ibs.it
Pagg432
Casa Ed: Bloomsbury

TramaCelaena è sopravvissuta ai lavori forzati nelle tremende miniere di Endovier e ha vinto la gara all'ultimo sangue per diventare la paladina del re, ma ha un segreto che nessuno conosce, né il valoroso Chaol, l'amico e confidente di sempre, né il principe Dorian, ancora innamorato di lei. Ma quando una notte, in un corridoio buio, Celaena scorge una figura avvolta in un mantello nero, un altro segreto irrompe nella sua vita: nei sotterranei della fortezza cova una minaccia oscura e devastante, forse legata agli antichi riti magici banditi dal regno... È il momento delle scelte: contrastare questa magia ancestrale o andarsene? Abbandonarsi a un nuovo amore o rinunciare?


Finito ormai da un mesetto bello e buono, non ho avuto tempo, voglia di recensirlo. Pensavo di non trovare le parole adatte e infatti non ho parole adatte a un capolavoro del genere. Penso che non smetterò mai di venerare la Maas per questi doni che ci ha portato.

Come dicevo all'inizio, questo libro è way too much migliore del primo e questa non è altro che l'ennesima conferma alla mia regola per cui il secondo libro di una saga è sempre migliore del primo. E' qualcosa di meraviglioso. Sovrastare il libro precedente pensavo non fosse possibile, e invece... Ci sono momenti in cui i miei occhi erano incollati a 2cm dalle pagg del libro, senza neanche sbattere le palpebre, sappiate che questo è l'effetto che crea la Maas. 
Se seguite le mie recensioni (dai voglio menarmela un po') sapete che non mi piace raccontare la trama per cui vi dico giusto due cose del tipo che in questo secondo volume troviamo mistero, un sacco di azione, amore, complotti e chi più ne ha più ne metta; che finalmente i protagonisti amati dimostrano quello che valgono veramente, prendono la loro vita in mano e iniziano a seguire quello in cui credono; che Celaena è più matura e più badass che mai; che sono innamorata di Chaol; che il mio cuore è stato spezzato almeno 3/4 volte durante la lettura e, last but not least, che il finale è una  B O M B A.
Dopo questa premessa obbligatoria, vorrei dire soltanto che questo libro è quello che non ci si aspetta. Mi spiego, sono stata abituata a Shadowhunters, Starcrossed, Twilight ecc dove, dai diciamocelo, ci aspettiamo abbastanza quello che succede, dove certi avvenimenti sono piuttosto scontati, e non intendo che non ci sono colpi di scena (shadowhunters non mi ha fatto dormire per notti e notti) ma dove comunque non succedono cose da una pagina all'altra che ti spezzano il cuore in seicento pezzi e parlo di cose serie, di MORTI, di NOTIZIE BOMBA, di REAZIONI (Dai Celaena ammettiamolo, you overreacted!!), di LEGAMI... Dove l'originalità non è proprio al primo posto.. 
Ecco questo libro è esattamente il contrario, non.c'è.una.singola.scena.scontata.
I personaggi sono maturati e migliorati, esplorati all'interno delle loro anime, i legami tra di loro, le interazioni sono profonde e non più legate al torneo ma alla vita reale, legate alla verità, al mistero, alla lotta contro al complotto, al divario fra la cosa giusta e la cosa sbagliata... poi c'è una buona parte romance che diciamocela non guasta mai.. Una romance da spezzare il cuore, da ucciderci lentamente, da farci fare i salti di gioia per poi battere la testa contro il muro... Ahhhh quanto shippo Celaena & Chaol *__________*
Diciamo che tutto il libro è a un nuovo livello di narrazione, di maturazione, non è più al livello di torneo all'interno del castello ma al livello di organizzazione e complotto contro il regno DIO QUANTO AMO QUESTE COSE. Beh se volete recensioni più serie ce ne sono a bizzeffe, la mia recensione semiseria spero che abbia invogliato qualcuno a iniziare questa meravigliosa saga. 

giovedì 8 gennaio 2015

Recensione - Throne of Glass - Sarah J. Maas

Ho letto infinite recensioni supermegapositive su goodreads riguardo a questo libro, così quest'estate durante un ordine su ibs, l'ho infilato nel carrello. Ho aspettato un po' per iniziare a leggerlo, non so per quale ragione. Una volta iniziato, divorato e finito la mia reazione è stata: OH.MY.GOD.
Ma andiamo con ordine, copertina - favolosa - dati e trama:

Titolo: Throne of glass
AutoreSarah J. Maas
Saga: Throne of Glass #1
Prezzo: 7,76 su ibs.it
Pagg406
Casa Ed: Bloomsbury

TramaNessuno esce vivo dalle miniere di Endovier. Celaena, la migliore assassina nel regno di Adarlan, è lì rinchiusa da un anno e quando le offrono la possibilità di diventare sicario di corte, non esita neppure un istante ad accettare. Ma la lotta è appena all'inizio: Celaena deve affrontare ventitré contendenti. Se vincerà, diventerà la paladina del re e dopo quattro anni di servizio sarà libera. Il Principe Ereditario è il suo maggiore alleato. Il Capitano delie Guardie la protegge. Entrambi la amano. Ma l'amore e il talento non bastano per vincere. Nel castello un pericolo insidioso è in agguato, e ben presto Celaena capisce che le persone di cui fidarsi sono sempre meno...

Ormai mi conoscete, odio le recensioni che per 3/4 riportano la trama, quella la posso leggere nel libro, non mi interessa, quindi non starò a dilungarmi su di essa, ma voglio esprimere la mia opinione e trasmettere le mie emozioni. Innanzitutto, specifico che ho letto prima Throne of Glass delle novelle, erroraccio!
Oddio, poi uno fa quello che vuole, ma ci sono molti riferimenti nel libro #1 che sono rivolti alle novelle (#0.1/0.2/0.3/0.4)  appunto, e averle lette prima di leggere tali riferimenti sicuramente approfondisce il loro significato. [Sam Cortland ti amo.]
Comunque, veniamo a noi, tutto in questo libro è a dir poco perfetto, protagonista, personaggi, ambientazione, trama, TUTTO.
La protagonista, Celaena Sardothien, è un'assassina. Ma non una finta assassina, una vera, fredda, calcolatrice, assassina. AMIAMOLA. Ha un passato molto duro, ha perso molte persone care e questo l'ha fatta diventare quello che è. Scordiamoci le eroine dei libri fantasy, anche le più kickass, questa le batte. Tutte. E' intelligente, sveglia, astuta, veloce, caparbia e super bella. E lo sa! Basta con queste ragazze bone che quando glielo fanno notare sono un tutto "Ma chi? Io? Ma se sono bruttissima!".
Oltre alla nostra assassina troviamo altri personaggi, tra i quali il principe Dorian Havilliard, il capitano della guardia reale Chaol Westfall, la principessa Nehemia, la regina Elena... Sono tutti fantastici personaggi forti e decisi. Si crea anche una sorta di triangolo amoroso (strano), ma non è fastidioso, anzi fino alla fine sono stata indecisa sulla parte in cui schierarmi (ma ora ho le idee più chiare che mai), e non mi era mai successo, forse un pochino in Shatter me (Warnerrrrrrrrrr *___*), però i due contendenti sono talmente discreti, talmente forti, intelligenti, AMICI, che non da fastidio.. Poi hanno verso di lei un senso di protezione che mi ha fatto sciogliere. La scena finale è qualcosa di favoloso. Poi non voglio descrivere troppo i miei feelings in generale riguardo ai due bellocci perchè finirei per spoilerare e non voglio assolutamente:
L'ambientazione è fantastica, poi per quanto mi riguarda mettetemi nella storia un castello, dei passaggi segreti, delle scale, delle torri e ciao, sono conquistata.
La trama non è mai banale, anzi, ci sono colpi di scena e oltre alla trama "principale" del concorso per diventare Campione del Re e per riacquistare la libertà, c'è una trama "secondaria" che però si scoprirà essere forse più principale di quella primaria, ancora più avvincente: retroscena, sotterfugi, complotti. 
In definitiva è davvero davvero davvero un ottimo libro, è qualcosa di fantastico, mai avrei pensato di amarlo così tanto, penso sia uno dei libri più belli letti nel 2014. Totally. Gli do 4 rondinelle e 4 stelline su GR (ma valgono come 4,5 in realtà!) solo perchè è solo il primo e so che può fare di più, anzi SO che lo farà e che sarà solo un crescendo, e lo so perchè la Maas è un genio del male, è una forza, è la mia nuova idola indiscussa (Scusa Mafi.)!

mercoledì 7 gennaio 2015

Recensione - La luna blu - Massimo Bisotti

Ritorno con una recensione di un libro di un autore italiano, tra l'altro ora che ci penso credo di non aver  mai recensito un libro nostrano. Comunque, il libro è La luna blu di Massimo Bisotti.


TitoloLa luna blu - Il percorso inverso dei sogni
Autore: Massimo Bisotti
Prezzo: 14,00€ 
Pagg161
Casa Ed: Psiconline

TramaUna storia, un incontro un racconto: lievi spunti cronologici spazio temporali, eppure i tre protagonisti, Meg, George (il sogno), Demian, (la realtà) tengono sospeso il lettore pagina dopo pagina. Gli interrogativi dominanti: che cosa succederà? Si incontreranno? Si ameranno? Una traccia che dà via via le risposte che il lettore desidera, inoltre la riflessione incalzante dell'autore, sull'amore, sulla vita, sulle relazioni offre a chi legge una visione profonda e sofferta del vivere quotidiano: "una faccia che dev'essere quella perché quella ormai tutti conoscono e non la puoi tradire". "Sembra che la felicità non stia nello stare bene ma nel tornare a stare bene, altrimenti nemmeno te ne accorgi se sei felice". Ciò che colpisce è che Meg, la protagonista per realizzare il suo " sogno" e per liberarsi di "quell'ombra nera che copre il blu quando ci sentiamo rifiutati, non voluti, incompresi, messi in un angolo", compie un cammino dentro la sua anima. "Tutta la vita è un viaggio verso e dentro noi stessi".

Allora, come accennavo su Goodreads, seguo da tempo Bisotti tramite i vari social, specialmente Instagram, e tramite i suoi profili mi innamoro follemente delle sue frasi, quindi in una giornata uggiosa, chiusa in biblioteca per studiare, girovagando fra gli scaffali trovo La luna blu.
La trama mi aveva ispirato, questo triangolo che mette in ballo sogno e realtà, gli interrogativi sulla storia: Si incontreranno? Si ameranno? Ecc.. Beh insomma inizio a leggerlo e, abbandonate le mie materie di esame, nel giro di poche ore lo finisco. DELUSIONE. Anzi, a onor del vero non so nemmeno come diavolo ho fatto a finirlo. Anzi mi domando come ho fatto anche solo a iniziarlo. 
Non c'è trama, non c'è descrizione, non ci sono dialoghi.. Probabilmente non capisco io il genere, sta di fatto che non mi è piaciuto. Frasi stupende, per carità, MA POI??
Amiche che si parlano come se fossero sotto effetti di stupefacenti, dialoghi che iniziano dal nulla e non te ne rendi conto, AMORI IMMAGINARI, frasi prolisse che inizi a leggere e mentre le finisci dopo righe e righe e righe e righe stai iniziando a pensare ai cazzi tuoi, tipo se hai dato da mangiare al cane o cosa devi comprare al super.
Per assurdo, devo ammettere, però le frasi sono STUPENDE, da manuale, da trascrivere e tenere sul comodino, così, per rileggerle ogni tanto, per sfoggiarle in qualche biglietto di auguri, o come dedica. Davvero belle!
Ho regalato a una mia amica Il quadro mai dipinto, sempre di Bisotti, volevo farmelo prestare ma non so a sto punto se mi interessa o meno. Farò fare la cavia alla mia amica! :)